Lavorare in Australia

L'Australia sta facendo registrare un crescente interesse in molti giovani che pensano seriamente ad un'esperienza lavorativa all'estero. L'economia australiana sta registrando dati di crescita molto interessanti e, anche le previsioni per il futuro, continuano ad essere abbastanza incoraggianti. In un momento in cui l'Europa si dibatte sempre più con un futuro incerto, l'Australia gode di un clima economico con ancora molti spazi di crescita e di occupazione. L'Australia è un paese/continente enorme con una popolazione molto scarsa: solo questo rende il ricorso a capitale umano straniero quasi una scelta obbligata per reggere lo sviluppo. In particolare, in alcuni settori, una preparazione altamente qualificata, può rappresentare, se non garanzia di riuscita, sicuramente una carta che vale la pena di giocarsi.

Questo non significa che l'Australia faccia entrare tutti. La politica di rilascio dei visti di lavoro resta piuttosto severa e tesa a mettere in primo piano, comunque, gli interessi economici del paese. Ma tutto ciò non deve scoraggiare: se si ha voglia di lavorare seriamente, se si è disposti ad impegnarsi, qui qualcosa si trova sempre. Ovviamente tutto è sempre commisurato a ciò che si sa fare davvero, a quale progetto si stia seguendo e a quali è il grado di conoscenza della lingua inglese. E da non dimenticare mai: in Australia vige una meritocrazia spietata; qui una certa tendenza italica alla furbizia ha vita brevissima.

Se non avete particolari competenze professionali, come è facile immaginare i lavori su cui è meglio puntare sono quelli legati alla ricezione turistica, alla ristorazione e all'agricoltura: moltissime sono le farm in cui è possibile lavorare per periodi limitati facendosi una bella esperienza sia lavorativa sia umana. Se invece siete professionisti qualificati il consiglio è di cercare su internet le compagnie e i settori di vostra competenza e studiarli attentamente. La cosa migliore è sempre quella di costruirsi reti di conoscenze e di rapporti tramite i quali stabilire conoscenze dirette con manager locali. Non è facile che le aziende australiane rispondano a curricula mandati dall'Italia senza alcuna referenza. In ogni caso, che crchiate lavoro dall'Italia o che lo facciate arrivati in Australia la cosa su cui mettere molta molta attenzione è il curriculum: deve non solo essere scritto in un inglese perfetto ma deve anche rispettare i canoni anglosassoni. E non dimenticate di aggiungere una sobria ma completa lettera di presentazione e di motivazione.

mercato lavoro australianoNon vi ripetiamo quanto detto sui visti da richiedere; per quello vi rimandiamo alla pagina del nostro sito in cui abbiamo affrontato l'argomento. Vi segnaliamo solo alcune pratiche burocratiche da fare appena arrivati. Prima di tutto bisogna richiedere il TFN, cioè il Tax File Number più o meno l'equivalente del nostro codice fiscale e necessario per poter essere messi in regola dal datore di lavoro. Subito dopo bisogna fare richiesta per la tesera sanitaria per poter godere di rimborsi o eventuali sconti. Il sistema sanitario australiano funziona piuttosto bene e, se siete qui con un working holiday visa si ha diritto a sei mesi di assistenza gratuita. Espletate queste cosette dovrete informarvi su alcune certificazioni che, spesso, vengono richieste per esercitare alcune professioni: se volete, per esempio, lavorare in un locale in cui vengono somministrarti alcolici viene richiesta la partecipazione ad un corso RSA, cioè responsable serving alcool. Anche per altri lavori sono richiesti anche se, a dire il vero, abbiamo qualche perplessità sulla loro reale efficacia; ma la legge è legge.

Per quanto riguarda la ricerca del lavoro la cosa migliore, se non si conosce nessuno e se non si sta rispondendo ad un'offerta di lavoro fatta direttamente da qualche azienda, è quella di rivolgersi alle agenzie interinali. Costerà qualcosa di più ma almeno una parte del lavoro lo faranno loro. Verrete sottoposti ad un colloquio che accerterà la vostra conoscenza linguistica e le vostre reali competenze professionali. Il consiglio che vi diamo è di non mentire con queste ultime perché, qualora arrivaste poi ad un colloquio lavorativo sareste facilmente "smascherati" Il fai da te può essere utile se state cercando lavoretti nella ristorazione; in quel caso presentatevi sempre di persona e con il vostro curriculum.

Ovviamente bisogna ricordare che il mondo del lavoro australiano è completamente diverso da quello italiano. Qualunque sia il lavoro che andrete a fare, qualunque sia la posizione occupata vi confronterete con un mercato del lavoro estremamente dinamico, competitivo e molto molto meritocratico. Importante poi sapere che, soprattutto negli ultimi anni, il governo australiano ha adottato una serie di misure estremamente liberiste in termini di tutela del lavoro per cui la flessibilità e la mobilità qui sono la regola. E a salvaguardare il vostro posto di lavoro sarà solo il vostro impegno e la vostra competenza.

E non dimenticate, per tutto ciò che volete sapere in termini di visti e di offerte di lavoro, potete consultare la nostra agenzia e i nostri servizi.


Scrivici se hai domande o commenti sull'Australia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento